Pulire il materasso: un’azione fondamentale per dormire in un ambiente pulito e sano

DOPPI REGALI fino al 21 gennaio! SCONTO 50% sul prezzo di listino + 30% di EXTRA SCONTO su tutti i PRODOTTI, applicando il codice coupon DOPPISALDI19 in fase di acquisto.

Non perderti i nostri prodotti in super offerta: Materasso Easy Aloe, Materasso 2 Strati Memory, Materasso 3 Strati Memory e Materasso 800 Molle indipendenti e Memory scontati oltre il 60%!

(Le promozioni Non sono cumulabili con i codici sconto)

come-pulire-materasso

Pulire il materasso: un’azione fondamentale per dormire in un ambiente pulito e sano

Per dormire sonni tranquilli e proteggere la nostra salute è fondamentale pulire e igienizzare il nostro materasso.
Se ti stai chiedendo come pulire il materasso nel miglior modo possibile, segui i nostri utili consigli che renderanno tutto più semplice e veloce.

Perché è importante pulire materasso?

Se chiudiamo gli occhi e pensiamo per un attimo al “posto” più comodo dove poterci rilassare e staccare la spina, senza dubbio il primo pensiero va al nostro amato giaciglio.

Ma per assicurarci un riposo eccellente e salutare, non dobbiamo mai dimenticare quanto sia importante dedicare del tempo alla pulizia del materasso.
Il materasso infatti, se ci pensiamo bene, è uno degli oggetti più utilizzati della casa e che quindi deve essere pulito con una certa regolarità.

Su di esso trascorriamo molte ore al giorno, circa un terzo della nostra vita ed è proprio per questo utilizzo intensivo, che il letto può diventare un reticolo di sostanze dannose per la nostra salute.
Sul letto si depositano giornalmente acari, polvere e batteri, ma anche residui di sudore, sangue, cosmetici ecc. che nel tempo possono compromettere sia la qualità del nostro riposo, sia provocare gravi reazione allergiche.

Ogni quanto è necessario pulire il materasso?

Per evitare che acari, polvere e macchie compromettano i nostri sonni, è opportuno pulire il nostro materasso almeno una volta ogni sei mesi.

Se soffri di allergie ricordati che, nel momento della scelta del materasso, in commercio esistono differenti tipologie di materiali tra cui alcuni più traspiranti di altri.
Un consiglio: il cambio di stagione può essere un ottimo promemoria per ricordarsi che è l’ora di pulire il materasso.
Ma partiamo per gradi e andiamo a scoprire degli utili rimedi casalinghi che ci permetteranno di igienizzare ed eliminare acari, macchie e cattivi odori dal nostro materasso.

Come igienizzare il materasso

Come prima cosa per pulire in profondità il nostro materasso è opportuno lavare tutta la biancheria.

Spogliamo il letto da piumini, lenzuola e cuscini e, cosa importantissima, laviamo anche coprimaterasso e federe. Facendo bene attenzione alle etichette e alle istruzioni di lavaggio, utilizziamo l’impostazione migliore per eliminare gli acari della polvere ricordandoci che il cotone, può arrivare a sopportare temperature fino a 90°C. Una volta asciutto, stiriamo tutto, grazie al calore del ferro da stiro elimineremo ogni traccia di acaro.

Come seconda fase portiamo il materasso e i cuscini all’esterno, battiamoli con un battipanni e lasciamoli una giornata al sole. La luce del sole ci aiuterà ad eliminare i fastidiosi animaletti microscopici.

Una volta ritirati, possiamo iniziare con la pulizia vera e propria.
Un metodo preliminare per eliminare gli acari dal materasso è quello di aspirare l’intera superficie con un aspirapolvere o con una scopa elettrica, passando su tutti i suoi lati con una leggera pressione, in modo da creare quell’attrito capace di raccogliere anche la polvere intrappolata.

Ancora più efficace contro gli acari e la polvere (ma anche per le macchie più profonde) è il vapore.
Passiamo il pulitore a vapore quindi, su tutta la superficie del materasso, soffermandoci sulle cuciture, luogo in cui gli acari tendono ad annidarsi maggiormente.

Pulire il materasso con il bicarbonato

Il bicarbonato di sodio, utilizzato da sempre per la pulizia di tutta la casa, è un potente alleato per disinfettare e pulire i materassi. Per indebolire la proliferazione degli acari, è necessario cospargere a secco l’intera superficie con i cristalli di bicarbonato e lasciarli agire per almeno due ore. Trascorso il tempo di posa, con un aspirapolvere eliminiamo la polvere in avanzo.

Come pulire il materasso macchiato

Oltre ad accumulare polvere e acari, il nostro caro letto è inoltre molto spesso vittima di incidenti domestici. Un amorevole gesto, per fare solo un esempio, come la sorpresa di una bella colazione a letto, può trasformarsi inavvertitamente in una fastidiosa macchia di caffè sul materasso da dover in qualche modo rimuovere.

Ma scopriamo insieme qual è il metodo migliore per togliere queste profonde macchie ed igienizzare a fondo il nostro materasso.

Le macchie sul materasso possono essere di vario tipo. Le più frequenti sono le macchie di sangue, urina, altri liquidi corporei e sudore.
Queste macchie, se trattate tempestivamente, possono essere eliminate del tutto senza compromettere la bellezza, l’utilità e la fibra del materasso. Se la macchia arriva a seccarsi invece, sarà più complicata da rimuovere.

  • Macchie di sangue: per togliere le macchie di sangue dal materasso occorre, se la macchia è fresca, strofinare la parte interessata con un panno imbevuto di acqua fredda.
    Se invece la macchia persiste, è opportuno aggiungere all’acqua, del bicarbonato o del succo di limone. Altrimenti, sarà utile provare ad applicare sulla macchia dell’acqua ossigenata, per poi risciacquare con un panno umido.
  • Macchie di urina: cerchiamo ora invece di capire come pulire il materasso dalla pipì.
    Se l’inconveniente è successo da poco e quindi la macchia è ancora umida, bisogna cercare di asciugarla il più possibile, tamponando con della carta assorbente; successivamente, è necessario provare a togliere la macchia di pipì con una miscela composta da acqua e aceto bianco: questa azione aiuterà ad eliminare i batteri della pipì. Un altro rimedio consigliato dalla nonna è quello di applicare sull’alone del bicarbonato e di lasciarlo agire per qualche minuto. Una volta asciutto, si dovrà rimuovere il tutto con l’aiuto dell’aspirapolvere.
  • Macchie ostinate: per eliminare le macchie più ostili dal materasso, è necessario provare ad utilizzare un detergente enzimatico. Gli enzimi infatti agiscono rapidamente e riescono a biodegradare i componenti più difficili da trattare come: cibo, olio, grasso ecc.
  • Muffa e cattivi odori: per togliere le macchie di muffa dal materasso, è estremamente utile applicare sulla superficie, una soluzione composta da acqua e aceto di vino bianco oppure acqua e bicarbonato di sodio.

    Per eliminare i cattivi odori inoltre, il tea tree oil risulta essere assolutamente la soluzione giusta. Basterà aggiungere al bicarbonato delle gocce di te tree oil e poi spargere il composto su tutto il materasso. Lasciando agire per circa un’ora, sarà in seguito necessario aspirare il tutto con l’aspirapolvere: il materasso tornerà e profumerà come nuovo.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *