Come dormire bene: la temperatura ideale in camera da letto

DOPPI SALDI fino al 19 Settembre! SCONTO 50% sul prezzo di listino + 35% di EXTRA SCONTO su tutti i prodotti, applicato automaticamente al carrello.

Sai la novità? È nato Mojito, il materasso che placherà la tua sete di riposo! Solo 299€ per il matrimoniale con 100 Notti di Prova e Garanzia 15 anni. ACQUISTA ORA

temperatura ideale in camera da letto

Come dormire bene: la temperatura ideale in camera da letto

La qualità di una notte di sonno dipende da molte variabili e una di queste è il grado di calore della stanza in cui si dorme. Scopriamo quale dovrebbe essere la temperatura ideale in camera da letto per conciliare il riposo e non nuocere alla nostra salute.

 

Ognuno di noi ha le proprie abitudini per conciliare il sonno: chi indossa un pigiama pesante e chi preferisce solo la biancheria intima, chi ha bisogno della luce dell’abat-jour e chi invece esige il buio pesto, chi ama sfogliare un libro e chi si assopisce meglio dopo aver sorseggiato una tisana. Una delle variabili che incide di più sul riposo, oltre che sulla qualità della fase REM, è la temperatura della stanza.

 

Qual è la temperatura ideale per dormire bene?

 

La temperatura ideale oscilla tra i 15 e i 19 gradi. Sì, probabilmente stai già rabbrividendo di freddo, ma ti assicuriamo che regolare il termostato su questi valori non potrà che giovare alla tua salute e al tuo sonno.

Durante le 24 ore della giornata la temperatura corporea si alza e si abbassa naturalmente. Raggiunge infatti il picco più alto nel primo pomeriggio e quello più basso intorno alle 5 del mattino. Devi sapere che quando ci addormentiamo il nostro corpo si raffredda e che facilitare e accelerare l’abbassamento della temperatura è utile per dormire meglio e più profondamente.

 

I benefici di dormire in un ambiente fresco

 

  • Mantiene giovani

È dimostrato che dormire tra i 15 e i 20 gradi stimola la produzione di melatonina, l’ormone che regola il ciclo sonno-veglia e che ha una forte azione antiossidante verso i radicali liberi. Chi l’avrebbe detto che una notte di sonno funziona meglio di una crema antirughe?

 

  • Riduce il rischio di malattie metaboliche

Uno studio condotto dall’Istituto Nazionale della Salute del Maryland (USA) ha determinato che chi dorme in una stanza fredda brucia più calorie rispetto a quando è sveglio, dato che aumenta la quantità di “grasso buono” dell’organismo. Il “grasso buono” o “grasso bruno” è quello che aiuta il corpo a bruciare le calorie in eccesso e quindi a dimagrire. Inoltre mantenere una bassa temperatura diminuisce anche il rischio di sviluppare malattie metaboliche come il diabete.

 

  • Favorisce il sonno

Mentre dormiamo il nostro corpo si raffredda e se assecondiamo questo processo, sarà più semplice godere di una buona notte di sonno ristoratore. Se è troppo caldo o troppo freddo, il tuo corpo disperderà molta della sua energia a regolare la temperatura interna e correrai il rischio di dimenarti e rigirarti in continuazione.

Abbassare la temperatura della camera da letto, secondo gli esperti, aiuta anche a combattere alcuni tipi di insonnia.

 

  • È salutare anche per i tuoi bambini

Quando in casa ci sono dei bambini, è bene regolare il termostato intorno ai 18/20 gradi e non di più, altrimenti aumenta il rischio di malattie respiratorie. In una stanza più fresca, non troppo coperto, un bambino respirerà meglio e si addormenterà più facilmente.

 

Come fare in estate?

Dormire al fresco in autunno e inverno è piuttosto semplice, ma in piena estate concedersi una notte di sonno senza sudare è spesso un miraggio. La soluzione più immediata è il condizionatore, ma un abuso può essere pericoloso per la salute e anche per il tuo portafoglio.

Per dormire bene nelle notti più afose, ti consigliamo di:

  • fare una doccia tiepida prima di coricarsi;
  • mettere la federe nel freezer per qualche ora;
  • dormire con la sola biancheria intima o comunque con indumenti leggeri e traspiranti;
  • usare i cuscini refrigeranti per rinfrescarsi.

 

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *