Cuscini ortocervicali: come scegliere il cuscino più adatto

Svegliarsi riposati dopo un sonno di qualità è un privilegio che non tutti hanno. Le motivazioni legate ai disturbi del sonno sono molte e una delle principali riguarda la scarsa qualità o l'usura del sistema letto. Dopotutto, si sa, per dormire bene è necessario potersi coricare su una superficie valida e adatta alle proprie esigenze.

Risvegliarsi doloranti, acciaccati e ancora più stanchi della sera precedente non è cosa infrequente: sono in molti, infatti, a non potersi definire sodisfatti del proprio riposo e di conseguenza del proprio letto.

Segreti per dormire bene: la scelta del cuscino giusto

Quando si dorme bene, la giornata può essere affrontata con energia e vitalità, ma per poter raggiungere questo obiettivo è necessario capire se il proprio sistema letto sia in grado di rispondere ai bisogni di chi lo utilizza. Spesso succede che il primo a essere colpevolizzato della mancanza di comfort del sonno sia il materasso. Certo è uno dei protagonisti principali del sistema letto, tuttavia non sono da tralasciare anche tutte le altre componenti, come reti, doghe, topper, cuscini e accessori vari.

La scelta del materasso è importante e richiede la giusta attenzione, ma una volta selezionato il materasso definitivo, ovvero quello che meglio racchiude le caratteristiche richieste, è doveroso dedicare del tempo anche a reti e cuscini. Sarebbe opportuno selezionare la rete in linea con le caratteristiche del materasso, mentre il cuscino viaggia su un binario a parte, e consente quindi di spaziare tra numerosi modelli e altrettanti materiali.

Cuscini e guanciali. Come scegliere quello più adatto?

Molte volte lo si dà per scontato, ma un cuscino comodo e di qualità può davvero fare la differenza tra un sonno realmente riposante e un dormire di scarso valore.

Il consiglio per iniziare a selezionare alcuni modelli di cuscini è quello di testare i prodotti in prima persona, al fine di capire concretamente quale articolo si possa definire davvero comodo e adatto al proprio sonno.

Ecco alcuni degli aspetti da valutare quando si acquista un cuscino.

 

  1. Materiale. Non sempre è facile capire quale tipo di imbottitura sia migliore per le nostre necessità. C'è chi preferisce cuscini più morbidi, chi meno morbidi, ma anche l'altezza del cuscino è importante per definire il comfort. Se il dubbio rimane presente, il consiglio è di chiedere un parere a chi è più esperto in materia, e saprà certo indirizzarvi verso la scelta più adatta.
  2. Modello. I cuscini non sono tutti uguali. Sovente succede di imbattersi in cuscini davvero scomodi. Il modello adatto alle nostre esigenze esiste, bisogna solo avere la pazienza di cercarlo.
  3. Condizioni di salute. La posizione che si assume durante il sonno è fondamentale per capire quale cuscino utilizzare, ma anche le proprie condizioni di salute sono da mettere in primo piano. Dai problemi legati alla schiena a quelli riguardanti la circolazione, passando per fastidi alla cervicale e formicolii vari, i doloretti possono essere di vario genere e di varia natura. Un buon cuscino, scelto con attenzione, li può alleviare e contenere, dimostrandosi un vero alleato di benessere.
  4. Posizione di addormentamento. Fare le giuste valutazioni in maniera preventiva consente di comprare il prodotto giusto, evitando fastidiosi ripensamenti e conseguenti perdite di tempo e anche di denaro.

Cuscino ortocervicale: cos'è e come funziona

Il cuscino ortocervicale è un cuscino che appare subito particolare per via della sua forma. Si tratta di un prodotto richiesto principalmente per chi soffre di qualche disturbo alla schiena e alla cervicale. Il segreto, però, è nella postura che si assume durante il sonno, che deve sempre essere corretta per donare un vero beneficio.

Per utilizzare il massimo delle potenzialità del cuscino ortocervicale è bene che la testa venga posizionata correttamente al centro, così da non creare tensioni alla zona del collo. La colonna vertebrale deve essere distesa, così come le spalle: la posizione più giusta da abbinare al cuscino ortocervicale è quindi quella sul fianco.

Il cuscino corretto è quello che con il passare del tempo mantiene elevato il comfort e non fa insorgere problematiche fisiche, garantendo così notti di vero relax e meritato riposo.

Non dimenticate poi di sostituire il cuscino quando inizia a perdere le sue caratteristiche iniziali, cosa che con il tempo accade. Cercate di cogliere le prime avvisaglie così da non ritrovarvi improvvisamente in “emergenza guanciale”!

Cuscino ortocervicale: il modello firmato Baldiflex

Anche Baldiflex ha pensato di arricchire la sua offerta di cuscini introducendo il modello ortocervicale: si tratta del cuscino ortocervicale in lattice, capace di modellarsi sotto la pressione del corpo, garantendo un sostegno adeguato e lungo tutto il riposo.

La particolare sagoma studiata da Baldiflex consente l'utilizzo del cuscino ortocervicale da parte di chi soffre di dolori alla cervicale: si tratta quindi di un prodotto in lattice anallergico, antiacaro e traspirante.

Potrebbero interessarti...

Baldiflex materasso in memory e 1600 molle insacchettate Hybrid BrosBaldiflex materasso in memory e 1600 molle insacchettate Hybrid Bros
Materasso in memory e 1600 molle insacchettate Hybrid Bros
Prezzo in offertaDa €269,00 Prezzo€538,00
Baldiflex completo letto con lenzuola e federe arancioneBaldiflex completo letto con lenzuola e federe arancione
Completo letto con lenzuola e federe in cotone percalle
Prezzo in offertaDa €80,67 Prezzo€94,90